Seguici su acebook facebook Cerca nel sito:

Le news di Gerona 2005

(07-08-2017) Bere moderatamente vino rosso riduce del 30% il rischio diabete



Diabetologia | Redazione DottNet | 31/07/2017 13:57

Bonora (Sid), migliora la sensibilità all'insulina

I possibili danni dell'alcol sono a tutti ben noti, ma bere moderatamente tre o quattro volte alla settimana riduce la probabilità di sviluppare diabete di tipo 2. Consumare con misura alcol, e in particolare vino rosso, migliora infatti la regolazione dello zucchero nel sangue. E' quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Diabetologia.

Ricercatori dell'Università della Danimarca del Sud hanno esaminato l'effetto dell'alcol su più di 70.000 persone, misurando quanto e quanto spesso hanno bevuto. Dopo cinque anni, 859 uomini e 887 donne hanno sviluppato il diabete. Analizzando i loro dati rispetto alle abitudini, i ricercatori hanno concluso che bere moderatamente 3 o 4 volte a settimana riduce il rischio di diabete del 32% nelle donne e del 27% negli uomini rispetto a chi beve meno di una volta alla settimana. Non tutti i tipi di alcol hanno avuto però lo stesso effetto: il vino rosso sembra essere più vantaggioso. Quanto alla birra, invece, gli uomini che ne bevevano da 1 o 6 alla settimana presentavano un rischio di diabete del 21% più basso rispetto quelli che ne bevevano meno di una a settimana, ma non c'era alcun impatto sul rischio femminile.

"Lo studio - commenta all'ANSA Enzo Bonora, past president della Società Italiana di Diabetologia (Sid) e presidente Fondazione Diabete Ricerca Onlus - conferma, con dati più ampi, evidenze scientifiche già emerse: ovvero che un bicchiere di vino tre o quattro volte a settimana determina un miglioramento della sensibilità alla propria insulina, cioè la capacità dell'ormone di regolare la glicemia. Questo si traduce, nel tempo, in riduzione del rischio di diabete, perché l'insulinoresistenza è uno dei due fattori che determinano l'insorgenza della malattia (insieme alla disfunzione delle betacellule pancreatiche che producono insulina)". Inoltre, conclude, "alcuni componenti del vino, come i polifenoli, sono in grado di migliorare la funzione delle cellule del pancreas, riducendo lo stress ossidativo a cui sono sottoposte a causa di una serie di fattori, tra cui una dieta poco salutare".



fonte: ansa

News

  • (09-08-2017) New science confirms eating turmeric every day reverses cancer

    Leggi tutto

  • (09-08-2017) Focus/ Cibi afrodisiaci. Il decalogo

    Leggi tutto

  • (09-08-2017)New research suggests snoring is linked to Alzheimer’s

    Leggi tutto

  • (09-08-2017) Focus/ Ciclo tira e molla? Parola d’ordine: relax

    Leggi tutto

  • (08-08-2017) Analgesic Effects of Alcohol: A Systematic Review and Meta-Analysis of Controlled Experimental Studies in Healthy Participants

    Leggi tutto

  • (08-08-2017) Gravidanza: meno farmaci e cesarei se la mamma è bene assistita durante il travaglio

    Leggi tutto

  • (08-07-2017) Fried potato consumption is associated with elevated mortality: an 8-y longitudinal cohort study.

    Leggi tutto

  • (08-08-2017) Coronaropatie, predisposizione genetica a calcemia più elevata aumenta il rischio

    Leggi tutto

  • (07-08-2017) Artificial sweeteners found to cause weight gain

    Leggi tutto

  • (07-08-2017) Il pisolino avrebbe un ruolo nel consolidamento della memoria

    Leggi tutto

  • (07-08-2017) This dirt cheap ancient spice fights cancer and improves blood circulation

    Leggi tutto

  • (07-08-2017) Bere moderatamente vino rosso riduce del 30% il rischio diabete

    Leggi tutto

  • (06-08-2017) Preventing Alzheimer’s may be as easy as eating these 5 common foods

    Leggi tutto

  • (06-08-2017) Unicef-Oms. Per l’allattamento al seno nessun Paese soddisfa ancora gli standard.

    Leggi tutto

  • (06-08-2017) Olive oil really is the healthiest oil for frying foods, scientists find

    Leggi tutto

  • (06-08-2017) Bimbi: imparano a scrivere già prima dei 3 anni

    Leggi tutto


In evidenza

"L'informazione presente nel sito serve a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente."

Per coloro che hanno problemi di salute si consiglia di consultare sempre il proprio medico curante.

Informazioni utili