Seguici su acebook facebook Cerca nel sito:

Le ricerche di Gerona 2005

(21-04-2017) Leucemia infantile. Il fumo dei genitori modifica i geni legati alla malattia



Il fumo, anche prima del concepimento, è responsabile di alcuni cambiamenti genetici che possono predisporre i bambini allo sviluppo della leucemia linfoblastica acuta. Le alterazioni dei geni, dunque, non sono ereditate dai genitori, ma acquisite dalle cellule immunitarie del bambino.

0 APR - (Reuters Health) – I genitori che fumano possono contribuire ai cambiamenti genetici associati con il tipo più comune di cancro infantile nei loro figli: la leucemia. A suggerirlo un recente studio pubblicato da Cancer Research. Ricerche precedenti avevano già collegato il fumo dei genitori a un aumento del rischio di leucemia infantile, ma con evidenze meno forti per le madri rispetto ai padri.

“Questo studio – sottolineato Adam de Smith, ricercatore presso l’Università Helen Diller di San Francisco, principale autore dello studio – è il primo a collegare il fumo di entrambi i genitori a specifici cambiamenti genetici nelle cellule tumorali dei bimbi con leucemia linfoblastica acuta. Siamo stati in grado di vedere gli effetti tossici del fumo di tabacco nei geni della cellula leucemica. Le delezioni (alterazioni dei geni) non sono ereditate dai genitori, ma vengono acquisite dalle cellule immunitarie del bambino. Quindi, pensiamo che il periodo più importante di esposizione al fumo di tabacco sia durante la gravidanza e dopo la nascita”.

Lo studio


I ricercatori hanno esaminato i dati di campioni tumorali pre-trattamento di 559 pazienti affetti da leucemia linfoblastica acuta per vedere se uno degli 8 geni che subiscono delezione mancasse e se una di queste delezioni fosse associata alle abitudini dei genitori fumatori. Circa due terzi dei campioni di tumore contenevano almeno una di queste delezioni.Le delezioni erano considerevolmente più frequenti nei bimbi le cui madri avevano fumato durante la gravidanza e dopo la nascita. Ogni cinque sigarette al giorno fumate durante la gravidanza, è stato osservaro un aumento del 22% di delezioni. Per ogni cinque sigarette fumate al giorno durante l’allattamento, è stato registrato un aumento del numero di delezioni del 74%. Fumare cinque sigarette al giorno da parte della madre o del padre prima del concepimento è stato associato anche ad un aumento del 7% e dell’8% rispettivamente del numero di delezioni.

I maschi sarebbero più sensibili agli effetti del fumo materno, anche se l’abitudine risale a prima del concepimento. Questo potrebbe spiegarsi con il fatto che i feti maschi crescono più rapidamente, portando ad un aumento della vulnerabilità dei linfociti a produrre tossine, che causano danni genetici.

Fonte: Cancer Research
http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=49711&fr=n

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

News

  • (18-07-2018) Keep your heart healthy by eating more arugula, spinach, and beets

    Leggi tutto

  • (18-07-2018) Prescrizioni inappropriate, lo studio: troppi antibiotici in gravidanza

    Leggi tutto

  • (18-07-2018) Psoriasis linked to gut health: Leaky gut could be caused by microbiome composition

    Leggi tutto

  • (18-07-2018) L'emicrania potrebbe essere scatenata dagli estrogeni anche negli uomini

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) Both depression and obesity are on the rise – coincidence? These conditions are linked in many ways

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) Assunzione alcolici aumenta la pressione sanguigna, ecco le categorie più a rischio

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) Tomato extracts KILL stomach cancer cells, new study shows

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) L'allergia alla penicillina causa un aumento del rischio di infezioni resistenti

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) Garlic is good for your heart; it lowers your blood pressure

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) Diabete, in situazione di stress aumenta rischio di attacco cardiaco e ictus

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) High-dose ω-3 Fatty Acid Plus Vitamin D3 Supplementation Affects Clinical Symptoms and Metabolic Status of Patients with Multiple Sclerosis: A Randomized Controlled Clinical Trial.

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) Malattie psoriasiche, la dieta può variare la gravità di presentazione nei pazienti in sovrappeso

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) Are you familiar with these 20 herbs that can be used as medicine?

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) La dieta migliore

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) Genome-wide association meta-analysis highlights light-induced signaling as a driver for refractive error

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) Miopia, individuati 161 geni che la favoriscono

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) Carotenoids in human nutrition and health

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) L’importanza dei carotenoidi

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) Tips for reducing your risk of breast cancer at any age

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) Tatuaggi, nelle persone immunodepresse possibili gravi complicanze

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) Low amounts of testosterone put men at risk of chronic diseases, even if they’re young

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) Disbiosi intestinale e rischio cardiovascolare: presentata una consensus

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) Cut your risk for liver cancer by HALF by just increasing your vitamin D levels

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) I disturbi correlati allo stress sono associati allo sviluppo di malattie autoimmuni successive

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) Follow these simple tips to minimize your exposure to “obesogens” – everyday chemicals that make you fat

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) La combinazione di solventi organici e predisposizione genetica aumenta il rischio di sclerosi multipla

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) Brisk walking for 3 hours a week can reduce your risk of heart disease

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) Il diuretico Idroclorotiazide può aumentare il rischio di melanoma

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Alzheimer’s disease and Dementia are two entirely different things

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Il microbiota intestinale può aiutare a predire le persone a più alto rischio di epatocarcinoma

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Eat more Swiss chard to enhance endurance and lower your blood pressure

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Bere una o più tazze di tè caldo riduce il rischio glaucoma del 74%

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) CONFIRMED: Antidepressants and other drugs cause dementia

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) La privazione del sonno associata a un maggiore propensione a ingerire più cibo

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) Acupuncture can relieve neck pain, new study confirms

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) I pomodori e le mele possono rallentare il declino della funzione polmonare. Benefici nella BPCO ?

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Heavy menstruation could be a symptom of an underlying condition that causes fertility problems

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Farmaci antibatterici: rischio di aritmie potenzialmente fatali con Azitromicina

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Children and pre-teens who lack sleep are 58% more likely to become obese as adults

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Associazione tra peso e mortalità negli adulti con diabete mellito

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) 10 Yummy, brain-boosting foods that prevent neurocognitive decline

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) Il brutto tempo influenza l’umore

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) Autoimmune disease doesn’t have to take over your life

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) Rughe? Frutta e verdura fresca meglio di creme

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) Study: Consuming foods rich in omega-3 fatty acids cuts your risk of death by 33%

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) Asma. L’uso di antibiotici prolunga la degenza in ospedale

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) BUSTED: 8 sleep myths that actually make you more tired

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) IL RUOLO DELLA VITAMINA D NEL CONTROLLO GLICEMICO

    Leggi tutto


In evidenza

"L'informazione presente nel sito serve a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente."

Per coloro che hanno problemi di salute si consiglia di consultare sempre il proprio medico curante.

Informazioni utili