Seguici su acebook facebook Cerca nel sito:

Le ricerche di Gerona 2005

(21-04-2017) Alcol. Aumentano i consumi italiani. Soprattutto fuori pasto. La Relazione al Parlamento



Dall’analisi del tipo di bevande consumate si conferma la tendenza già registrata negli ultimi dieci anni che vede una progressiva riduzione della quota di consumatori che bevono solo vino e birra, soprattutto fra i più giovani e le donne e un aumento della quota di chi consuma, oltre a vino e birra, anche aperitivi, amari e superalcolici, aumento che si registra nei giovani e i giovanissimi ma in misura percentuale maggiore negli adulti oltre i 44 anni e gli anziani. LA RELAZIONE.

05 APR - “L’alcoldipendenza è un fenomeno che continua a necessitare di grande attenzione per le implicazioni sanitarie e sociali che ne derivano”. Parte da questa premessa la nuova Relazione sugli interventi realizzati nel 2016 in materia di alcol e problemi correlati, del Ministero della Salute trasmessa al Parlamento il 21 marzo 2017.

Aumentano i consumi, soprattutto fuori pasto
Secondo i dati ISTAT nel corso del 2015 il 64,5% degli italiani di 11 anni e più (pari a 35 milioni e 64 mila persone) ha consumato almeno una bevanda alcolica, con prevalenza notevolmente maggiore tra i maschi (77,9%) rispetto alle femmine (52,0%). Rispetto al 2014 si registra un incremento dei consumi: nel 2014, infatti, ha consumato almeno una bevanda alcolica il 63% degli italiani di 11 anni e più (pari a 34 milioni e 319 mila persone).

L'aumento dei consumi risulta confermato anche dai dati forniti dal database europeo Health For All (HFA-DB), che mostra nella rilevazione dei litri di alcol puro medio pro capite consumati nella popolazione ultra quindicenne in Italia, nel corso degli ultimi quattro anni, un nuovo incremento in controtendenza rispetto agli anni precedenti.
Nel 2015 si osserva una sostanziale stabilità rispetto all’anno precedente dei consumatori giornalieri, mentre continuano a crescere i consumatori fuori pasto (nel 2013 erano il 25,8%, nel 2014 erano il 26,9%, nel 2015 risultano il 27,9%).

Nell’ambito dell’arco di tempo 2005-2015 l’ISTAT ha rilevato:
· una diminuzione della quota di consumatori (dal 69,7% al 64,5%)
· una diminuzione della quota di consumatori giornalieri (dal 31% al 22,2%)
· un aumento dei consumatori occasionali (dal 38,6% al 42,3%)
· un aumento dei consumatori fuori pasto (dal 25,7% al 27,9%).

I cambiamenti nelle abitudini, a distanza di 10 anni, sono diffusi in tutte le fasce d’età, ma in maniera differenziata:
· tra i giovani 18-24enni e tra gli adulti 25-44enni a diminuire di più sono i consumatori giornalieri
· tra gli adulti di 45-64 anni e gli anziani over 65 aumenta principalmente il numero di consumatori occasionali e, specialmente tra le donne, il numero di consumatrici di alcol fuori pasto.

Resta allarmante il fenomeno del binge drinking
Il binge drinking, ossia l’assunzione di numerose unità alcoliche al di fuori dei pasti e in un breve arco di tempo, nel 2015 è stata pari a 10,8% tra gli uomini e 3,1% tra le donne di età superiore a 11 anni e identifica oltre 3.700.000 binge drinker di età superiore a 11 anni, con una frequenza che cambia a seconda del genere e della classe di età della popolazione.

Le percentuali di binge drinker sia di sesso maschile che femminile aumentano nell’adolescenza e raggiungono i valori massimi tra i 18-24enni (M=22,2%; F=8,6%); oltre questa fascia di età le percentuali diminuiscono nuovamente. La percentuale di binge drinker di sesso maschile è statisticamente superiore al sesso femminile in ogni classe di età ad eccezione degli adolescenti, ossia quella fascia di popolazione per la quale la percentuale dovrebbe essere zero a causa del divieto per legge della vendita e somministrazione di bevande alcoliche al di sotto della maggiore età.

La prevalenza dei consumatori a rischio, elaborata attraverso l’indicatore di sintesi (consumo abituale eccedentario e bingedrinking) dall’Istituto Superiore di Sanità, è stata nel 2015 del 23% per uomini e dell’9% per donne di età superiore a 11 anni, per un totale di quasi 8.500.000 individui (M=6.000.000, F=2.500.000) che nel 2015 non si sono attenuti alle indicazioni di salute pubblica.

Aumenta il consumo di aperitivi, amari e superalcolici
Dall’analisi del tipo di bevande consumate si conferma la tendenza già registrata negli ultimi dieci anni che vede una progressiva riduzione della quota di consumatori che bevono solo vino e birra, soprattutto fra i più giovani e le donne e un aumento della quota di chi consuma, oltre a vino e birra, anche aperitivi, amari e superalcolici, aumento che si registra nei giovani e i giovanissimi ma in misura percentuale maggiore negli adulti oltre i 44 anni e gli anziani.

Il consumo nelle Regioni italiane
Lo studio sui consumi alcolici nelle Regioni Italiane dimostra che il consumo di alcol nell’anno è decisamente aumentato rispetto all’anno precedente sia al Nord e sia al Centro Italia, mentre non si rilevano variazioni statisticamente significative al Sud e nelle Isole.
05 aprile 2017


Fonti: ministero della Salute
http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=49570&fr=n

News

  • (18-07-2018) Keep your heart healthy by eating more arugula, spinach, and beets

    Leggi tutto

  • (18-07-2018) Prescrizioni inappropriate, lo studio: troppi antibiotici in gravidanza

    Leggi tutto

  • (18-07-2018) Psoriasis linked to gut health: Leaky gut could be caused by microbiome composition

    Leggi tutto

  • (18-07-2018) L'emicrania potrebbe essere scatenata dagli estrogeni anche negli uomini

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) Both depression and obesity are on the rise – coincidence? These conditions are linked in many ways

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) Assunzione alcolici aumenta la pressione sanguigna, ecco le categorie più a rischio

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) Tomato extracts KILL stomach cancer cells, new study shows

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) L'allergia alla penicillina causa un aumento del rischio di infezioni resistenti

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) Garlic is good for your heart; it lowers your blood pressure

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) Diabete, in situazione di stress aumenta rischio di attacco cardiaco e ictus

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) High-dose ω-3 Fatty Acid Plus Vitamin D3 Supplementation Affects Clinical Symptoms and Metabolic Status of Patients with Multiple Sclerosis: A Randomized Controlled Clinical Trial.

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) Malattie psoriasiche, la dieta può variare la gravità di presentazione nei pazienti in sovrappeso

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) Are you familiar with these 20 herbs that can be used as medicine?

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) La dieta migliore

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) Genome-wide association meta-analysis highlights light-induced signaling as a driver for refractive error

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) Miopia, individuati 161 geni che la favoriscono

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) Carotenoids in human nutrition and health

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) L’importanza dei carotenoidi

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) Tips for reducing your risk of breast cancer at any age

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) Tatuaggi, nelle persone immunodepresse possibili gravi complicanze

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) Low amounts of testosterone put men at risk of chronic diseases, even if they’re young

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) Disbiosi intestinale e rischio cardiovascolare: presentata una consensus

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) Cut your risk for liver cancer by HALF by just increasing your vitamin D levels

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) I disturbi correlati allo stress sono associati allo sviluppo di malattie autoimmuni successive

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) Follow these simple tips to minimize your exposure to “obesogens” – everyday chemicals that make you fat

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) La combinazione di solventi organici e predisposizione genetica aumenta il rischio di sclerosi multipla

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) Brisk walking for 3 hours a week can reduce your risk of heart disease

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) Il diuretico Idroclorotiazide può aumentare il rischio di melanoma

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Alzheimer’s disease and Dementia are two entirely different things

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Il microbiota intestinale può aiutare a predire le persone a più alto rischio di epatocarcinoma

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Eat more Swiss chard to enhance endurance and lower your blood pressure

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Bere una o più tazze di tè caldo riduce il rischio glaucoma del 74%

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) CONFIRMED: Antidepressants and other drugs cause dementia

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) La privazione del sonno associata a un maggiore propensione a ingerire più cibo

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) Acupuncture can relieve neck pain, new study confirms

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) I pomodori e le mele possono rallentare il declino della funzione polmonare. Benefici nella BPCO ?

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Heavy menstruation could be a symptom of an underlying condition that causes fertility problems

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Farmaci antibatterici: rischio di aritmie potenzialmente fatali con Azitromicina

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Children and pre-teens who lack sleep are 58% more likely to become obese as adults

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Associazione tra peso e mortalità negli adulti con diabete mellito

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) 10 Yummy, brain-boosting foods that prevent neurocognitive decline

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) Il brutto tempo influenza l’umore

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) Autoimmune disease doesn’t have to take over your life

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) Rughe? Frutta e verdura fresca meglio di creme

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) Study: Consuming foods rich in omega-3 fatty acids cuts your risk of death by 33%

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) Asma. L’uso di antibiotici prolunga la degenza in ospedale

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) BUSTED: 8 sleep myths that actually make you more tired

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) IL RUOLO DELLA VITAMINA D NEL CONTROLLO GLICEMICO

    Leggi tutto


In evidenza

"L'informazione presente nel sito serve a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente."

Per coloro che hanno problemi di salute si consiglia di consultare sempre il proprio medico curante.

Informazioni utili