Seguici su acebook facebook Cerca nel sito:

Le ricerche di Gerona 2005

(22-04-2017) Ictus. L’attività fisica condiziona ripresa e qualità della vita



E' quanto emerso da uno studio statunitense a lungo termine pubblicato da Neurology. Durante 12 anni di follow-up su 18.117 persone, la quantità di attività fisica non è stata associata con il rischio di ictus, ma è stata associata con la probabilità di essere indipendenti tre anni dopo un ictus.

12 APR - (Reuters Health) – Secondo uno studio statunitense a lungo termine – pubblicato da Neurology - essere fisicamente inattivi aumenta il rischio di perdere la capacità di eseguire le attività della vita quotidiana, sia prima, sia dopo un ictus.

Lo studio
Il team di ricercatori ha studiato 18.117 persone che partecipano al National Health and Retirement Study, con l’obiettivo di scoprire se l’indice di attività fisica e di massa corporea (BMI) possa prevedere la disabilità futura. Durante 12 anni di follow-up la quantità di attività fisica non è stata associata con il rischio di ictus, ma è stata associata con la probabilità di essere indipendenti tre anni dopo un ictus. Coloro che erano di partenza fisicamente inattivi avevano decisamente meno probabilità di essere indipendenti, a quel punto, rispetto a quelli che erano in partenza fisicamente attivi. L’obesità, al contrario, è stata associata ad un aumentato rischio di ictus ,ma non alla perdita di indipendenza durante il periodo di follow-up, a prescindere dal fatto che un individuo abbia subito un ictus.


“L’attività fisica riduce il rischio di dipendenza da altri sia per le attività basilari della vita quotidiana (per esempio, vestirsi e camminare in una stanza), sia per quelle più complesse (ad esempio la gestione del denaro o fare la spesa), più impegnative dal punto di vista cognitivo“, dice l’autrice principale dell’articolo, Pamela M. Rist, del Brigham and Women’s Hospital and Harvard T.H. Chan School of Public Health du Boston.“Queste attività della vita quotidiana possono rappresentare parametri importanti per determinare la qualità della vita dei pazienti con ictus, quindi è importante trovare i fattori che riducono il rischio di dipendenza da terzi per queste attività”.

Fonte: Neurology 2017

Will Boggs
http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=49807&fr=n
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

News

  • (24-09-2017) Il piacere del cibo e il ruolo delle endorfine

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) Dietary Flavonoid Intake Reduces the Risk of Head and Neck but Not Esophageal or Gastric Cancer in US Men and Women.

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) Alcool e rischio tumori. Messaggi fuorvianti dalle aziende del settore

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) The public is being mass poisoned by antiseptic chemicals in shampoos, lotions, eye drops and mouthwash

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) Usa. Medici pubblicizzano farmaci senza dichiarare il conflitto di interessi. Il ‘Far West’ su Twitter

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Is red wine good for the hearts of type-2 diabetics? Researchers think so

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Per stare in forma, meglio rispettare l’orologio biologico

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Ibuprofen found to block muscle gains after exercise

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Dieta stretta in aiuto contro invecchiamento della pelle

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Yet another study finds that daily fish oil supplements protect the brain by balancing hormones like estrogen

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Tumori. Rapporto Aiom. Nel 2017 stimati 369mila nuovi casi, ma 4 su 10 sono evitabili. Aumentata del 24% la sopravvivenza in 7 anni

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Certain probiotics found to improve athletic performance

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Il cioccolato extra-fondente, in acuto, aumenta

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) Swiss cheese found to contain powerful probiotic that promotes longevity

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) Nelle donne che consumano vegetali ricchi di nitrati diminuisce il rischio di mortalità per cause vascolari grazie alla riduzione dalle patologie su base aterosclerotica

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) Eating almonds found to accelerate the body’s mechanism for eliminating high cholesterol

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) In uomini oltre i 60 anni, senza sintomi di decadimento cognitivo, l’assunzione di vitamina E e selenio non risulta efficace per la prevenzione della demenza di Alzheimer

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) Curcumin infused nanoparticles found to target and destroy neuroblastoma cancer tumors… has the CURE been found?

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) Trattare l’obesità dei genitori permette di ridurre il tasso di sovrappeso/obesità nei figli, anche senza un loro coinvolgimento diretto

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) 3,000 years after Chinese Medicine documented it, CNN suddenly discovers

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) Malattie infiammatorie intestinali: il contributo della disbiosi

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) Global warming temperature changes found to be “entirely natural” … they would have happened with or without human activity

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) Bulli più a rischio di sviluppare disturbi alimentari

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) Later circadian timing of food intake is associated with increased body fat.

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) I figli prediletti rischiano la depressione

    Leggi tutto

  • (17-09-2017) Exposure to outdoor light at night can increase breast cancer risk, claim researchers

    Leggi tutto


In evidenza

"L'informazione presente nel sito serve a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente."

Per coloro che hanno problemi di salute si consiglia di consultare sempre il proprio medico curante.

Informazioni utili