Seguici su acebook facebook Cerca nel sito:

Le ricerche di Gerona 2005

(23-04-2017) Obesità. Inefficaci le attività di prevenzione rivolte ai bambini in età prescolare



Spingere i bambini in età prescolare a migliorare da soli la quantità di cibo – rafforzando questa operazione con messaggi mirati alla prevenzione dell’obesità – non produce gli effetti sperati. A questa conclusione è giunto uno studio condotto da un team della University of Michigan in Ann Arbor, guidato da Julie Lumeng, del Center for Human Growth and Development.

12 APR - (Reuters Health) – Un gruppo di ricercatori USA ha condotto uno studio cluster-randomized all’interno del programma finanziato dal governo federale Head Start (HS) per i bambini a basso reddito. Durante ciascuno dei quattro anni di scuola, le classi sono state assegnate in modo casuale ad uno dei settori di intervento: HS da solo, HS più Preschool Obesity Prevention Series (HS+POPS), o HS più POPS e Incredible Years Series (HS+POPS+IYS). L’IYS è un programma evidence-based che sottolinea il ruolo positivo delle tecniche di gestione e di auto-regolamentazione del comportamento nei bambini di famiglie a basso reddito. Complessivamente lo studio ha coinvolto 697 bambini (49% maschi, età media 4 anni, 48% bianchi, 30% afro-americani 12% ispanici).

I risultati dello studio
Secondo i ricercatori la combinazione dei tre interventi ha migliorato l’autoregolamentazione (riferita dagli insegnanti) rispetto alla combinazione del programma di prevenzione con quello per ibambini a basso reddito (p <0.001) e al solo programma di prevenzione da solo (p <0,001 per entrambi). Tuttavia, questa triplice attività non è riuscito a produrre un effetto significativo sulla prevalenza dell’obesità (16,4% pre-intervento al 14,3% post-intervento in HS + POPS + IYS contro 17,3% al 14,4% in HS + POPS contro 12,2% al 13,0% in HS).



“È probabile che gli effetti di promuovere l’auto-regolamentazione per prevenire l’obesità non emergano fino a quando i bambini saranno più grandi”, dice Julie Lumeng, autrice principale dello studio. “Per esempio, è probabile che l’autoregolamentazione delle emozioni e del comportamento non abbia un impatto sull’assunzione di cibo fino a quando i bambini non raggiungano una maggiore consapevolezza della dieta, forse intorno ai 9-10 anni di età Quando i bambini sono nella fascia di età prescolare, la maggior parte delle loro scelte alimentari è ancora governata da genitori e altri adulti“. È necessario ulteriore lavoro con “approcci comportamentali più potenti e mirati di auto-regolamentazione per verificare in modo adeguato se il miglioramento dell’autocontrollo alimentare dei bambini può prevenire lo sviluppo di obesità”, concludono Lumeng e colleghi .

Fonte: Pediatrics 2017
http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=49809&fr=n
Megan Brooks

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

News

  • (18-07-2018) Keep your heart healthy by eating more arugula, spinach, and beets

    Leggi tutto

  • (18-07-2018) Prescrizioni inappropriate, lo studio: troppi antibiotici in gravidanza

    Leggi tutto

  • (18-07-2018) Psoriasis linked to gut health: Leaky gut could be caused by microbiome composition

    Leggi tutto

  • (18-07-2018) L'emicrania potrebbe essere scatenata dagli estrogeni anche negli uomini

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) Both depression and obesity are on the rise – coincidence? These conditions are linked in many ways

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) Assunzione alcolici aumenta la pressione sanguigna, ecco le categorie più a rischio

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) Tomato extracts KILL stomach cancer cells, new study shows

    Leggi tutto

  • (17-07-2018) L'allergia alla penicillina causa un aumento del rischio di infezioni resistenti

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) Garlic is good for your heart; it lowers your blood pressure

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) Diabete, in situazione di stress aumenta rischio di attacco cardiaco e ictus

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) High-dose ω-3 Fatty Acid Plus Vitamin D3 Supplementation Affects Clinical Symptoms and Metabolic Status of Patients with Multiple Sclerosis: A Randomized Controlled Clinical Trial.

    Leggi tutto

  • (16-07-2018) Malattie psoriasiche, la dieta può variare la gravità di presentazione nei pazienti in sovrappeso

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) Are you familiar with these 20 herbs that can be used as medicine?

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) La dieta migliore

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) Genome-wide association meta-analysis highlights light-induced signaling as a driver for refractive error

    Leggi tutto

  • (15-07-2018) Miopia, individuati 161 geni che la favoriscono

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) Carotenoids in human nutrition and health

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) L’importanza dei carotenoidi

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) Tips for reducing your risk of breast cancer at any age

    Leggi tutto

  • (14-07-2018) Tatuaggi, nelle persone immunodepresse possibili gravi complicanze

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) Low amounts of testosterone put men at risk of chronic diseases, even if they’re young

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) Disbiosi intestinale e rischio cardiovascolare: presentata una consensus

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) Cut your risk for liver cancer by HALF by just increasing your vitamin D levels

    Leggi tutto

  • (13-07-2018) I disturbi correlati allo stress sono associati allo sviluppo di malattie autoimmuni successive

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) Follow these simple tips to minimize your exposure to “obesogens” – everyday chemicals that make you fat

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) La combinazione di solventi organici e predisposizione genetica aumenta il rischio di sclerosi multipla

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) Brisk walking for 3 hours a week can reduce your risk of heart disease

    Leggi tutto

  • (12-07-2018) Il diuretico Idroclorotiazide può aumentare il rischio di melanoma

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Alzheimer’s disease and Dementia are two entirely different things

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Il microbiota intestinale può aiutare a predire le persone a più alto rischio di epatocarcinoma

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Eat more Swiss chard to enhance endurance and lower your blood pressure

    Leggi tutto

  • (11-07-2018) Bere una o più tazze di tè caldo riduce il rischio glaucoma del 74%

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) CONFIRMED: Antidepressants and other drugs cause dementia

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) La privazione del sonno associata a un maggiore propensione a ingerire più cibo

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) Acupuncture can relieve neck pain, new study confirms

    Leggi tutto

  • (10-07-2018) I pomodori e le mele possono rallentare il declino della funzione polmonare. Benefici nella BPCO ?

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Heavy menstruation could be a symptom of an underlying condition that causes fertility problems

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Farmaci antibatterici: rischio di aritmie potenzialmente fatali con Azitromicina

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Children and pre-teens who lack sleep are 58% more likely to become obese as adults

    Leggi tutto

  • (09-07-2018) Associazione tra peso e mortalità negli adulti con diabete mellito

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) 10 Yummy, brain-boosting foods that prevent neurocognitive decline

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) Il brutto tempo influenza l’umore

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) Autoimmune disease doesn’t have to take over your life

    Leggi tutto

  • (08-07-2018) Rughe? Frutta e verdura fresca meglio di creme

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) Study: Consuming foods rich in omega-3 fatty acids cuts your risk of death by 33%

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) Asma. L’uso di antibiotici prolunga la degenza in ospedale

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) BUSTED: 8 sleep myths that actually make you more tired

    Leggi tutto

  • (07-07-2018) IL RUOLO DELLA VITAMINA D NEL CONTROLLO GLICEMICO

    Leggi tutto


In evidenza

"L'informazione presente nel sito serve a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente."

Per coloro che hanno problemi di salute si consiglia di consultare sempre il proprio medico curante.

Informazioni utili