Seguici su acebook facebook Cerca nel sito:

Le ricerche di Gerona 2005

(23-04-2017) Obesità. Inefficaci le attività di prevenzione rivolte ai bambini in età prescolare



Spingere i bambini in età prescolare a migliorare da soli la quantità di cibo – rafforzando questa operazione con messaggi mirati alla prevenzione dell’obesità – non produce gli effetti sperati. A questa conclusione è giunto uno studio condotto da un team della University of Michigan in Ann Arbor, guidato da Julie Lumeng, del Center for Human Growth and Development.

12 APR - (Reuters Health) – Un gruppo di ricercatori USA ha condotto uno studio cluster-randomized all’interno del programma finanziato dal governo federale Head Start (HS) per i bambini a basso reddito. Durante ciascuno dei quattro anni di scuola, le classi sono state assegnate in modo casuale ad uno dei settori di intervento: HS da solo, HS più Preschool Obesity Prevention Series (HS+POPS), o HS più POPS e Incredible Years Series (HS+POPS+IYS). L’IYS è un programma evidence-based che sottolinea il ruolo positivo delle tecniche di gestione e di auto-regolamentazione del comportamento nei bambini di famiglie a basso reddito. Complessivamente lo studio ha coinvolto 697 bambini (49% maschi, età media 4 anni, 48% bianchi, 30% afro-americani 12% ispanici).

I risultati dello studio
Secondo i ricercatori la combinazione dei tre interventi ha migliorato l’autoregolamentazione (riferita dagli insegnanti) rispetto alla combinazione del programma di prevenzione con quello per ibambini a basso reddito (p <0.001) e al solo programma di prevenzione da solo (p <0,001 per entrambi). Tuttavia, questa triplice attività non è riuscito a produrre un effetto significativo sulla prevalenza dell’obesità (16,4% pre-intervento al 14,3% post-intervento in HS + POPS + IYS contro 17,3% al 14,4% in HS + POPS contro 12,2% al 13,0% in HS).



“È probabile che gli effetti di promuovere l’auto-regolamentazione per prevenire l’obesità non emergano fino a quando i bambini saranno più grandi”, dice Julie Lumeng, autrice principale dello studio. “Per esempio, è probabile che l’autoregolamentazione delle emozioni e del comportamento non abbia un impatto sull’assunzione di cibo fino a quando i bambini non raggiungano una maggiore consapevolezza della dieta, forse intorno ai 9-10 anni di età Quando i bambini sono nella fascia di età prescolare, la maggior parte delle loro scelte alimentari è ancora governata da genitori e altri adulti“. È necessario ulteriore lavoro con “approcci comportamentali più potenti e mirati di auto-regolamentazione per verificare in modo adeguato se il miglioramento dell’autocontrollo alimentare dei bambini può prevenire lo sviluppo di obesità”, concludono Lumeng e colleghi .

Fonte: Pediatrics 2017
http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=49809&fr=n
Megan Brooks

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

News

  • (15-12-2017) The health of your gut microbiome could predict your risk of heart disease, researchers find

    Leggi tutto

  • (15-12-2017) Le cellule del colon proliferano con l’obesità

    Leggi tutto

  • (15-12-2017) Healthy gut bacteria can protect you from just about ANY age-related disease, new study finds

    Leggi tutto

  • (15-12-2017) Donne in menopausa: i benefici dell’acqua gassata

    Leggi tutto

  • (14-12-2017) The effects of dietary protein intake on appendicular lean mass and muscle function in elderly men: a 10-wk randomized controlled trial.

    Leggi tutto

  • (14-12-2017) FDA torna indietro su benefici cardiaci delle proteine della soia

    Leggi tutto

  • (14-12-2017) A high-glycemic diet is associated with cerebral amyloid burden in cognitively normal older adults.

    Leggi tutto

  • (14-12-2017) Tè verde e tè nero in aiuto per perdere peso

    Leggi tutto

  • (13-12-2017) Breast milk the new CANCER cure? Scientists discover tumor-destroying molecules with astonishing properties

    Leggi tutto

  • (13-12-2017) Pressione alta: il rischio si riduce facendo spesso la sauna

    Leggi tutto

  • (13-12-2017) The brain and immune system prompt energy shortage in chronic inflammation and ageing.

    Leggi tutto

  • (13-12-2017) Ragazzini, già obesi e ossidati

    Leggi tutto

  • (12-12-2017) Nutrients in apples and grapes found to increase stamina

    Leggi tutto

  • (12-12-2017) Cancro al colon: attività fisica intensa rilascia molecola preventiva

    Leggi tutto

  • (12-12-2017) Association Between Adipokines Levels with Inflammatory Bowel Disease (IBD): Systematic Reviews.

    Leggi tutto

  • (11-12-2017) Anche in giovane età il rischio di morte è molto maggiore in presenza di diabete

    Leggi tutto

  • (11-12-2017) Sugar industry sponsorship of germ-free rodent studies linking sucrose to hyperlipidemia and cancer: An historical analysis of internal documents

    Leggi tutto

  • (11-12-2017) Diabete e obesità: in un anno hanno provocato 800.000 nuovi casi di tumore

    Leggi tutto

  • (11-12-2017) Vitamin D Deficiency

    Leggi tutto

  • (10-12-2017) Malattie infiammatorie intestinali. Forte legame con l’industrializzazione

    Leggi tutto

  • (10-12-2017) Circulating vitamin D concentration and age-related macular degeneration: Systematic review and meta-analysis

    Leggi tutto

  • (10-12-2017) Cuore a rischio per troppo zucchero

    Leggi tutto

  • (10-12-2017)n Memory and sleep: Researchers finally discover why getting sufficient sleep dramatically boosts brain performance

    Leggi tutto


In evidenza

"L'informazione presente nel sito serve a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente."

Per coloro che hanno problemi di salute si consiglia di consultare sempre il proprio medico curante.

Informazioni utili