Seguici su acebook facebook Cerca nel sito:

Le ricerche di Gerona 2005

(23-04-2017) Obesità. Inefficaci le attività di prevenzione rivolte ai bambini in età prescolare



Spingere i bambini in età prescolare a migliorare da soli la quantità di cibo – rafforzando questa operazione con messaggi mirati alla prevenzione dell’obesità – non produce gli effetti sperati. A questa conclusione è giunto uno studio condotto da un team della University of Michigan in Ann Arbor, guidato da Julie Lumeng, del Center for Human Growth and Development.

12 APR - (Reuters Health) – Un gruppo di ricercatori USA ha condotto uno studio cluster-randomized all’interno del programma finanziato dal governo federale Head Start (HS) per i bambini a basso reddito. Durante ciascuno dei quattro anni di scuola, le classi sono state assegnate in modo casuale ad uno dei settori di intervento: HS da solo, HS più Preschool Obesity Prevention Series (HS+POPS), o HS più POPS e Incredible Years Series (HS+POPS+IYS). L’IYS è un programma evidence-based che sottolinea il ruolo positivo delle tecniche di gestione e di auto-regolamentazione del comportamento nei bambini di famiglie a basso reddito. Complessivamente lo studio ha coinvolto 697 bambini (49% maschi, età media 4 anni, 48% bianchi, 30% afro-americani 12% ispanici).

I risultati dello studio
Secondo i ricercatori la combinazione dei tre interventi ha migliorato l’autoregolamentazione (riferita dagli insegnanti) rispetto alla combinazione del programma di prevenzione con quello per ibambini a basso reddito (p <0.001) e al solo programma di prevenzione da solo (p <0,001 per entrambi). Tuttavia, questa triplice attività non è riuscito a produrre un effetto significativo sulla prevalenza dell’obesità (16,4% pre-intervento al 14,3% post-intervento in HS + POPS + IYS contro 17,3% al 14,4% in HS + POPS contro 12,2% al 13,0% in HS).



“È probabile che gli effetti di promuovere l’auto-regolamentazione per prevenire l’obesità non emergano fino a quando i bambini saranno più grandi”, dice Julie Lumeng, autrice principale dello studio. “Per esempio, è probabile che l’autoregolamentazione delle emozioni e del comportamento non abbia un impatto sull’assunzione di cibo fino a quando i bambini non raggiungano una maggiore consapevolezza della dieta, forse intorno ai 9-10 anni di età Quando i bambini sono nella fascia di età prescolare, la maggior parte delle loro scelte alimentari è ancora governata da genitori e altri adulti“. È necessario ulteriore lavoro con “approcci comportamentali più potenti e mirati di auto-regolamentazione per verificare in modo adeguato se il miglioramento dell’autocontrollo alimentare dei bambini può prevenire lo sviluppo di obesità”, concludono Lumeng e colleghi .

Fonte: Pediatrics 2017
http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=49809&fr=n
Megan Brooks

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

News

  • (24-09-2017) Il piacere del cibo e il ruolo delle endorfine

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) Dietary Flavonoid Intake Reduces the Risk of Head and Neck but Not Esophageal or Gastric Cancer in US Men and Women.

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) Alcool e rischio tumori. Messaggi fuorvianti dalle aziende del settore

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) The public is being mass poisoned by antiseptic chemicals in shampoos, lotions, eye drops and mouthwash

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) Usa. Medici pubblicizzano farmaci senza dichiarare il conflitto di interessi. Il ‘Far West’ su Twitter

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Is red wine good for the hearts of type-2 diabetics? Researchers think so

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Per stare in forma, meglio rispettare l’orologio biologico

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Ibuprofen found to block muscle gains after exercise

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Dieta stretta in aiuto contro invecchiamento della pelle

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Yet another study finds that daily fish oil supplements protect the brain by balancing hormones like estrogen

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Tumori. Rapporto Aiom. Nel 2017 stimati 369mila nuovi casi, ma 4 su 10 sono evitabili. Aumentata del 24% la sopravvivenza in 7 anni

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Certain probiotics found to improve athletic performance

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Il cioccolato extra-fondente, in acuto, aumenta

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) Swiss cheese found to contain powerful probiotic that promotes longevity

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) Nelle donne che consumano vegetali ricchi di nitrati diminuisce il rischio di mortalità per cause vascolari grazie alla riduzione dalle patologie su base aterosclerotica

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) Eating almonds found to accelerate the body’s mechanism for eliminating high cholesterol

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) In uomini oltre i 60 anni, senza sintomi di decadimento cognitivo, l’assunzione di vitamina E e selenio non risulta efficace per la prevenzione della demenza di Alzheimer

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) Curcumin infused nanoparticles found to target and destroy neuroblastoma cancer tumors… has the CURE been found?

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) Trattare l’obesità dei genitori permette di ridurre il tasso di sovrappeso/obesità nei figli, anche senza un loro coinvolgimento diretto

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) 3,000 years after Chinese Medicine documented it, CNN suddenly discovers

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) Malattie infiammatorie intestinali: il contributo della disbiosi

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) Global warming temperature changes found to be “entirely natural” … they would have happened with or without human activity

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) Bulli più a rischio di sviluppare disturbi alimentari

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) Later circadian timing of food intake is associated with increased body fat.

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) I figli prediletti rischiano la depressione

    Leggi tutto

  • (17-09-2017) Exposure to outdoor light at night can increase breast cancer risk, claim researchers

    Leggi tutto


In evidenza

"L'informazione presente nel sito serve a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente."

Per coloro che hanno problemi di salute si consiglia di consultare sempre il proprio medico curante.

Informazioni utili