Seguici su acebook facebook Cerca nel sito:

Le ricerche di Gerona 2005

(27-10-2017) Inibitori della pompa protonica: uso spesso inappropriato




Gli inibitori della pompa protonica (Ppi) sono farmaci molto sfruttati in tutto il mondo, ma esiste una grande variabilità nell'adeguatezza del loro uso secondo una ricerca pubblicata online sul Journal of Clinical Pharmacy e Therapeutics. «La prescrizione di un inibitore della pompa protonica può spesso essere inappropriata ed esporre i pazienti a un rischio di effetti negativi, causando oltretutto spese di assistenza sanitaria inutili. Il nostro obiettivo era di determinare il grado di utilizzo dei Ppi in Australia dal 2002 e di rivedere gli studi internazionali che hanno indagato sulla prescrizione inappropriata degli stessi, inclusi quelli che hanno discusso gli interventi per affrontare questo problema» afferma l'autore principale dello studio Mark Naunton, della University of Canberra in Australia. I ricercatori hanno analizzato i dati dell'Australian Pharmaceutical Benefits Scheme e del Repatriation Pharmaceutical Benefits Scheme per determinare l'uso dei Ppi in Australia, e hanno condotto una revisione della letteratura per esaminare l'andamento dell'uso appropriato di questi farmaci. Gli autori hanno riscontrato che dal 2002 al 2010 si è verificato un aumento dell'uso dei Ppi in Australia, seguito da una graduale diminuzione; inoltre, era presente una grande variabilità nelle stime della portata dell'utilizzo inappropriato nella letteratura internazionale, che andavano dall'11 all'84%. Dal 2000 al 2016 si è verificato un piccolo cambiamento nell'uso adeguato del PPI secondo quanto riferito da 34 studi internazionali. Gli interventi presentati per affrontare un uso improprio sono stati principalmente la prescrizione centrata sul paziente, la presentazione di dettagli accademici a supporto di un uso corretto, programmi educativi e notifiche di sicurezza. «Campagne di educazione e di sensibilizzazione continue per professionisti sanitari e pazienti, inclusi promemoria per via elettronica al momento della prescrizione, sono strategie che possono ridurre l'uso dei Ppi negli individui che non hanno un'indicazione clinica basata sulle prove per il loro uso a lungo termine» concludono gli autori.

J Clin Pharm Ther. 2017. doi: 10.1111/jcpt.12613
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28895169
Fonte: doctornews33

News

  • (24-09-2017) Il piacere del cibo e il ruolo delle endorfine

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) Dietary Flavonoid Intake Reduces the Risk of Head and Neck but Not Esophageal or Gastric Cancer in US Men and Women.

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) Alcool e rischio tumori. Messaggi fuorvianti dalle aziende del settore

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) The public is being mass poisoned by antiseptic chemicals in shampoos, lotions, eye drops and mouthwash

    Leggi tutto

  • (23-09-2017) Usa. Medici pubblicizzano farmaci senza dichiarare il conflitto di interessi. Il ‘Far West’ su Twitter

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Is red wine good for the hearts of type-2 diabetics? Researchers think so

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Per stare in forma, meglio rispettare l’orologio biologico

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Ibuprofen found to block muscle gains after exercise

    Leggi tutto

  • (22-09-2017) Dieta stretta in aiuto contro invecchiamento della pelle

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Yet another study finds that daily fish oil supplements protect the brain by balancing hormones like estrogen

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Tumori. Rapporto Aiom. Nel 2017 stimati 369mila nuovi casi, ma 4 su 10 sono evitabili. Aumentata del 24% la sopravvivenza in 7 anni

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Certain probiotics found to improve athletic performance

    Leggi tutto

  • (21-09-2017) Il cioccolato extra-fondente, in acuto, aumenta

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) Swiss cheese found to contain powerful probiotic that promotes longevity

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) Nelle donne che consumano vegetali ricchi di nitrati diminuisce il rischio di mortalità per cause vascolari grazie alla riduzione dalle patologie su base aterosclerotica

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) Eating almonds found to accelerate the body’s mechanism for eliminating high cholesterol

    Leggi tutto

  • (20-09-2017) In uomini oltre i 60 anni, senza sintomi di decadimento cognitivo, l’assunzione di vitamina E e selenio non risulta efficace per la prevenzione della demenza di Alzheimer

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) Curcumin infused nanoparticles found to target and destroy neuroblastoma cancer tumors… has the CURE been found?

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) Trattare l’obesità dei genitori permette di ridurre il tasso di sovrappeso/obesità nei figli, anche senza un loro coinvolgimento diretto

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) 3,000 years after Chinese Medicine documented it, CNN suddenly discovers

    Leggi tutto

  • (19-09-2017) Malattie infiammatorie intestinali: il contributo della disbiosi

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) Global warming temperature changes found to be “entirely natural” … they would have happened with or without human activity

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) Bulli più a rischio di sviluppare disturbi alimentari

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) Later circadian timing of food intake is associated with increased body fat.

    Leggi tutto

  • (18-09-2017) I figli prediletti rischiano la depressione

    Leggi tutto

  • (17-09-2017) Exposure to outdoor light at night can increase breast cancer risk, claim researchers

    Leggi tutto


In evidenza

"L'informazione presente nel sito serve a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente."

Per coloro che hanno problemi di salute si consiglia di consultare sempre il proprio medico curante.

Informazioni utili