Seguici su acebook facebook Cerca nel sito:

Le news di Gerona 2005

(06-08-2017) Unicef-Oms. Per l’allattamento al seno nessun Paese soddisfa ancora gli standard.



Con livelli del 50% per i neonati fino a sei mesi, evitabili 520mila morti e risparmi in costi sanitari e sociali per 300 miliardi di dollari. Ecco il piano

Una nuova analisi dimostra che un investimento annuo di soli 4,70 dollari per neonato basterebbe per aumentare il tasso globale dell'allattamento al seno esclusivo tra i bambini al di sotto dei sei mesi del 50% entro il 2025. Il raggiungimento di questo obiettivo potrebbe salvare la vita di 520.000 bambini sotto i cinque anni e potenzialmente generare 300 miliardi di dollari di risparmi in 10 anni. L'ANALISI UNICEF OMS.

01 AGO - L’allattamento al seno non decolla secondo le indicazioni Oms: nessun paese del mondo soddisfa pienamente gli standard raccomandati secondo una nuova relazione UNICEF-OMS in collaborazione con la Global Breastfeeding Collective, una nuova iniziativa per aumentare i tassi di allattamento globali.

La Global Scorecard per l'allattamento al seno che ha valutato 194 nazioni e ha scoperto che solo il 40% dei bambini di età inferiore ai sei mesi sono allattati esclusivamente al seno (solo latte materno) e solo 23 paesi hanno tassi al di sopra del 60 per cento.

L'evidenza dimostra che l'allattamento al seno ha effetti positivi di salute per i neonati e le loro madri. È particolarmente importante durante i primi sei mesi di vita per aiutare a prevenire la diarrea e la polmonite, due principali cause di morte nei neonati. Le madri che allattano hanno un rischio ridotto di cancro ovarico e della mammella, due tra le cause principali di morte tra le donne.
"L'allattamento al seno offre ai bambini il miglior inizio possibile nella vita - ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell'Oms -. Il latte materno funziona come il primo vaccino di un bambino, protegge i neonati dalle malattie potenzialmente letali e dà loro tutto il nutrimento necessario per sopravvivere e prosperare".

Una nuova analisi che dimostra che un investimento annuo di soli 4,70 dollari per neonato è necessario per aumentare il tasso globale dell'allattamento al seno esclusivo tra i bambini al di sotto dei sei mesi del 50% entro il 2025.
Il raggiungimento di questo obiettivo potrebbe salvare la vita di 520.000 bambini sotto i cinque anni e potenzialmente generare 300 miliardi di dollari in guadagni in 10 anni, a seguito di una riduzione della malattia e di costi di assistenza sanitaria minori e maggiore produttività.
"L'allattamento al seno è uno degli investimenti più efficaci e convenienti per la salute dei più piccoli e per la salute futura delle loro economie e della società", ha dichiarato il direttore esecutivo dell'Unicef Anthony Lake. "Non avendo investito nell'allattamento al seno – ha proseguito - stiamo fallendo e le madri e i loro bambini pagano un doppio prezzo: in vite perdute e in occasioni perse".
In cinque delle più grandi economie emergenti al mondo - Cina, India, Indonesia, Messico e Nigeria - la mancanza di investimenti in allattamento provoca circa 236.000 decessi per ogni anno e 119 miliardi di dollari in perdite economiche.

Globalmente, l'investimento nell'allattamento al seno è troppo basso. Ogni anno, i governi dei paesi a basso e medio reddito spendono circa 250 milioni di dollari per promuovere l'allattamento al seno e altri 85 milioni arrivano da donatori esterni ai governi.
La Global Breastfeeding Collective invita i paesi a:
· aumentare i finanziamenti per aumentare i tassi di allattamento sin dalla nascita per due anni;
· applicare il Codice internazionale di marketing pr i sostituti dell’allattamento al seno e le relative risoluzioni dell'Assemblea mondiale della salute con forti misure legali e far monitorate il tutto indipendentemente da organizzazioni prive di conflitti di interesse:
· sviluppare politiche di allattamento sul posto di lavoro, basandosi sulle linee guida per la protezione della maternità dell'Organizzazione internazionale del lavoro come requisito minimo, incluse le disposizioni per il settore informale;
· implementare i dieci passi per l'allattamento al seno in strutture di maternità, incluse la mammella per i neonati malati e vulnerabili;
· migliorare l'accesso alle consulenze specializzate sull'allattamento al seno come parte di politiche e programmi di allattamento sull'allattamento al seno in strutture sanitarie;
· rafforzare i legami tra le strutture sanitarie e le comunità e incoraggiare le reti comunitarie che proteggono, promuovono e sostengono l'allattamento al seno;
· rafforzare i sistemi di monitoraggio che seguono l'avanzamento delle politiche, dei programmi e dei finanziamenti per raggiungere obiettivi nazionali e globali in materia di allattamento al seno.

L'allattamento al seno è fondamentale per il raggiungimento di molti degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Migliora la nutrizione (SDG2), impedisce la mortalità infantile e diminuisce il rischio di malattie non trasmissibili (SDG3) e supporta lo sviluppo e l'istruzione cognitiva (SDG4).
L'allattamento al seno è anche un fattore che consente di porre fine alla povertà, promuovere la crescita economica e ridurre le disuguaglianze.

La Scorecard raccoglie dati provenienti da paesi di tutto il mondo sullo stato di sette priorità stabilite dalla Global Breastfeeding Collective per aumentare il tasso di allattamento al seno.

Fonte: http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=53120&fr=n

News

  • (09-08-2017) New science confirms eating turmeric every day reverses cancer

    Leggi tutto

  • (09-08-2017) Focus/ Cibi afrodisiaci. Il decalogo

    Leggi tutto

  • (09-08-2017)New research suggests snoring is linked to Alzheimer’s

    Leggi tutto

  • (09-08-2017) Focus/ Ciclo tira e molla? Parola d’ordine: relax

    Leggi tutto

  • (08-08-2017) Analgesic Effects of Alcohol: A Systematic Review and Meta-Analysis of Controlled Experimental Studies in Healthy Participants

    Leggi tutto

  • (08-08-2017) Gravidanza: meno farmaci e cesarei se la mamma è bene assistita durante il travaglio

    Leggi tutto

  • (08-07-2017) Fried potato consumption is associated with elevated mortality: an 8-y longitudinal cohort study.

    Leggi tutto

  • (08-08-2017) Coronaropatie, predisposizione genetica a calcemia più elevata aumenta il rischio

    Leggi tutto

  • (07-08-2017) Artificial sweeteners found to cause weight gain

    Leggi tutto

  • (07-08-2017) Il pisolino avrebbe un ruolo nel consolidamento della memoria

    Leggi tutto

  • (07-08-2017) This dirt cheap ancient spice fights cancer and improves blood circulation

    Leggi tutto

  • (07-08-2017) Bere moderatamente vino rosso riduce del 30% il rischio diabete

    Leggi tutto

  • (06-08-2017) Preventing Alzheimer’s may be as easy as eating these 5 common foods

    Leggi tutto

  • (06-08-2017) Unicef-Oms. Per l’allattamento al seno nessun Paese soddisfa ancora gli standard.

    Leggi tutto

  • (06-08-2017) Olive oil really is the healthiest oil for frying foods, scientists find

    Leggi tutto

  • (06-08-2017) Bimbi: imparano a scrivere già prima dei 3 anni

    Leggi tutto


In evidenza

"L'informazione presente nel sito serve a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente."

Per coloro che hanno problemi di salute si consiglia di consultare sempre il proprio medico curante.

Informazioni utili